eventi fashion Trend e News

Il lato chic del sostenibile: ecco la donna bon ton Gentile Catone

In quel 27 gennaio, dopo le rose e il pret à porter celebrativo di Rambaldi, avrei preso parte ad un altro evento modaiolo. Un po’ più da vicino questa volta, e fuori dalle due sale adiacenti, che diverse volte, mi avevano vista fare destra e sinistra, su e giù per il viale.

La presentazione di “Electric Dèpendance” non aveva nulla a che vedere con la categoria fashion hub di AltaRoma, e inserita nella sezione Intown, stranamente non sfruttava neppure la bellezza della città eterna.

Da mezzogiorno alle ore 15, sarebbe andata in scena sempre all’interno del Guido Reni District, senza passerella, e in una location diversa: Les Marionettes – Bio Art, il nuovissimo bistrot dallo stile leggermente nordico, unico punto di ristoro, a pochissimi metri dalle sale, tra una sfilata e l’altra.

 

001

 

Così, anche se in leggero ritardo, con la location dietro l’angolo, e libera dallo show precedente, in quel sabato mattina quasi pomeriggio, cercai lo stesso la tranquillità del mio angolino, per trovarmi faccia a faccia con il fedele comunicato stampa.

Un documento scritto su due fogli A4, che dietro il sapiente racconto dell’eclettica Sonia Rondini, rivelava tutti i dettagli della capsule di Gentile Catone, brand nato da due giovani menti pescaresi, e dalla superba combinazione dei loro cognomi.

 

118
Da sin. Sonia Rondini, Chiara Catone, Francesco Gentile, Rossano Giuppa

 

Chiara Catone e Francesco Gentile, coppia fin dai banchi di scuola, ad AltaRoma, con “Electric Dèpendance” presentavano finalmente la loro particolare visione: sostenibile, attuale, ossessionata dalla costante ricerca del bello, e da un bisogno nostalgico del passato. Complice anche l’ispirazione, quasi onirica, impalpabile, fatta di viaggi ed esperienze, richiamate alla mente come una scossa elettrica, da piccoli oggetti da collezione o semplici ricordi controversi.

Così, dopo aver fissato in testa, quell’idea sulla loro identità stilistica, e lasciato il mio angolino sul viale, incuriosita dalla location e dal raffinato racconto, mi accingevo finalmente a raggiungere La casetta di Les Marionettes, lo spazio più intimo tra Dehors, La Serre, e La Grande Salle, le altre aree del locale.

E affacciata proprio su Dehors, la sala esterna con sedie e tavolini, immersa in un orto urbano pieno di angoli con erbe aromatiche, la riservata casetta, faceva da contenitore prezioso alla collezione F/W 18-19 di Gentile Catone, che in quel preciso momento, non poteva scegliere città e location migliore, per il suo debutto ufficiale.

 

085

015

 

Uno spazio privato come un salotto di casa, con divani Winchester, tavolini, piante e vasi di tulipani, da dove quattro modelle, ognuna intenta a compiere azioni diverse, con fare lento e indisturbato, sotto la direzione dell’event manager Rossano Giuppa, raccontavano storie di donne enigmatiche, intimamente disturbate da cose risolvibili e non.

 

099

076

075

 

12 modelli in tutto, indossati e alternati, dall’interno all’esterno della casetta, prima lontani, e poi vicini tra noi, in una sfilata al rallentatore, senza mai sfilare sul serio, sotto i flash dei fotografi, ed in pasto agli occhi furtivi e curiosi, di ospiti e giornalisti presenti.

 

076

067

 

Dai completi morbidi con gonne longuette, agli eleganti abiti midi da giorno, realizzati con materiali naturali e cruelty-free come la seta, la lana e il cashmere per catturare il lato più chic dell’ecosostenibile, cruccio del brand fin dalla loro partecipazione alla Green Fashion Week.

E con il synth pop, frizzante, enigmatico dei Chromatics in sottofondo, immaginando scene alla David Lynch, ma con gli abiti al posto del sogno, unici elementi di continuità tra realtà e immaginazione, bellezza esteriore ed interiore, ad un tratto, mi sono sentita parte di quella moda in fieri, surreale.

 

053

069

037

036

116

 

Così, ho potuto ammirare da vicino, gli splendidi decori, e sentirmi come Alice nel Paese delle Meraviglie, incastrata nelle geometrie fantasy e nostalgiche dei colletti dipinti a mano. Una visione letteraria, pronta a contagiare con l’ispirazione carica di mistero ed elettricamente sofisticata.

E nonostante i contorni di maniche e gonne, bordati di piume verde smeraldo, attraverso i morbidi fiocchi in shantung e le nobili cinture bicolor, ho percepito la sottesa nota bon ton.

Complice di un’eleganza senza tempo, che in quel preciso “mio” tempo, con gioielli artigianali, e lo styling trendy, combinato ad hoc per stare sul pezzo, ha dipinto con colori caldi e autunnali, una bellezza moderna, raffinata e particolarmente consapevole.

 

Con passione,

Savannah

 

 

 

 

PH. S. Dragone | Luca Sorrentino (fonte: altaroma.it)

Ufficio Stampa: Sonia Rondini | soniarondini.it

Costruzione Perfomativa | Event Management: Rossano Giuppa

Annunci

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...