eventi fashion Trend e News

Libertà athleisure e ironia. Gli anni’60 di Moi Multiple | ALTAROMA Luglio 2017

6 luglio, secondo show in programma.

Sala 2, tutti di nuovo in fila.

Il comunicato stampa prometteva un viaggio negli anni’60, destrutturato, e in chiave moderna, per via dell’ispirazione: la nonna. E poi “rigore, ricerca del bello assoluto, estetica pura. Una moda come la psicoanalisi”.

Queste parole, vagavano nella mia mente incuriosita, mentre una volta entrata, mi preparavo, con taccuino e matita, ad assistere allo show. Era ovvio: volevo vedere anche la nonna, ma in versione smart!

Perchè è proprio lei, musa di Anna Francesca Ceccon, designer milanese di Moi Multiple, brand finalista di Who Is On Next? 2009.

mina 517

Quindi, tutti alle loro postazioni, cenno intermittente di luci, musica, e via…

Rubando così letteralmente la scena, sfilò “Plus-que-parfait” collezione primavera/estate 2018.

Ed io, sempre in terza fila, ho riconosciuto subito, quella visione retrò decontestualizzata, che nel contempo dava nuova vita all’eleganza formale.

Flessibile, meno rigorosa in Moi Multiple; perchè appunto, la designer, qui fa di tutto, per rielaborarla ad hoc, e renderla attuale.

 

Complici geometrie e color blocking, in gioviale equilibrio, grazie ad una palette cromatica decisa – arancio, giallo, verde tiffany, greenery e blu china – ben mescolata con il bianco e nero.

0002222000022206

In particolare, mi hanno colpito linee, silhouette e volumi, di quegli abiti sartoriali, che repentini da vintage a quotidiani, sfilavano con disinvoltura,  in perfetta sintonia con il trend style del momento: athleisure.

A conferma del passato della Ceccon, come Cool Hunter da Peclers Paris, vantando collaborazioni con brand del calibro di Prada, Dolce & Gabbana, Armani.

E poi c’era “Ca Plane Pour Moi” di Plastic Bertrand, colonna sonora dal rock new wave, a tingere vigorosamente, i modelli con mood ironico e pungente, insieme agli accessori e ai dettagli degli abiti.

 

E quindi spille giganti, piume di struzzo, foulard alla Audry Hepburn, e grandi occhiali da sole, cipria. Tutti glam, e contestualizzati come parte integrante di look, dall’impronta assolutamente couture.

 

Ph. S. Dragone | Luca Sorrentino (fonte: altaroma.it ; @moimultiple)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...